“Occhi Ovunque”: brava Valentina!

Chi segue questo blog, sa che mi piace raccontare storie di giovani in gamba, che hanno voglia di fare e che sanno inventarsi qualcosa di diverso, giocando sagacemente anche sul self-marketing.Oggi, in uno scenario completamente diverso, “sapersi collocare sul mercato” è una capacità importantissima.Questa volta è il turno di Valentina, laureanda magistrale presso l’Università di Salerno, mamma di “Occhi Ovunque”, che peraltro ha già scritto un gran bel post su Experyentya.it, relativo al crowdfunding musicale.

Vi va di saperne di più?

1) Vale, ci racconti che cos’è esattamente “Occhi Ovunque” e com’è nato?

Occhi Ovunque è un food art blog, ossia un luogo in cui condivido le mie conoscenze culinarie, ricette ed esperienze enogastronomiche attraverso dei simpatici racconti, per grandi e piccini, corredati da illustrazioni.

Adoro scrivere e dipingere, quindi, dopo aver analizzato lo scenario italiano del food blogging e notato che ancora non esisteva un blog di questo tipo, ho deciso di combinare tutte le mie passioni per far in modo che il blog parlasse effettivamente di me, che “Occhi Ovunque” non evocasse solo un food blog, ma qualcosa in più, ovvero un nuovo modo di vivere il cibo.

2) Seguendoti sui social network, vedo che nel tuo progetto c’è una chiara logica di racconto. Da questo punto di vista, quello che forse era un hobby sta evolvendo in qualcosa di diverso. Ce ne parli?

In realtà non ho mai pensato al mio blog come a un hobby, ma più come a una sorta di “auto-stage” (si può dire? :D), ovvero un’opportunità di poter attuare praticamente i miei studi di management. Seguivo i corsi e già pensavo come attuare al blog quanto studiato. In più, dedicandomi al blogging e al social media management, ho imparato da autodidatta molte cose nuove che in aula neanche ti raccontano. Diciamo che ho fatto del mio blog il mio bigliettino da visita.

3) Il gioco del web è relativamente semplice: se si sfonda il muro dell’indifferenza, arrivano pronti i brand (più solerti), che giustamente cercando di agganciarsi a questo o quell’altro “influencer”. Mi sembra che nel tuo caso si sia mosso Zuegg, o sbaglio? Ce ne parli?

Sì, sto creando delle illustrazioni nel mio stile per Zuegg.

La collaborazione è nata da un mese, per puro caso, e non ti nascondo che vedere la mia firma e i miei lavori sui loro social mi lusinga molto. Spesso ricevo email da agenzie di comunicazione che curano aziende del comparto food; delle volte le richieste sono a dir poco imbarazzanti, mentre altre volte sono davvero interessanti.

4) Infine, volendo viaggiare molto con la mente, cosa pensi possa diventare il tuo “Occhi Ovunque”?

Per avere solo un anno di vita, il blog mi ha dato già belle soddisfazioni: quest’anno è stato premiato ai Food Blog Awards nella categoria “Design”. Ma il mio povero cervello è sempre lì a macinare; le idee sono tante e per ora manca solo il tempo di metterle in pratica. Per scaramanzia non le sveliamo, quindi, ma spero, con un pizzico di fortuna, di poterle realizzare tutte!

Ad ogni modo, cara Valentina, dal mio punto di vista hai già raggiunto un grande risultato, sperimentando sul campo tutte le cose forse più interessanti che hai studiato nel tuo percorso universitario. Brava e continua a essere curiosa!

Fulvio x Experyentya