Gli Ostelli si rifanno il look!

Era il 1909 quando vennero alla luce, ad opera di Richard Schirmann, maestro tedesco che per riparare i suoi studenti in un giorno di pioggia li fece dormire in una scuola chiusa…

Quando si pensa agli Ostelli, vengono in mente le esperienze “alla buona” di ragazzi in giro per il mondo, con pochi soldi in tasca e poche pretese.

Ma gli Ostelli sanno anche di relazioni, di nuove conoscenze, di apertura sul mondo.

Ok, libertàlow costcondivisione. Queste sono leparole-chiave per identificare il format, che però sta evolvendo.  Sebbene il prezzo medio rimanga sotto la soglia massima dei 30€ a notte (colazione compresa), andando un po’ in giro si notano strutture sempre più curate (nella foto l’ostello Czech-Inn di Praga) in termini di design, sempre più attente in chiave green e capaci di offrire un’ampia gamma di servizi aggiuntivi (a scelta) ai propri ospiti, come connessione wi-fi, noleggio bici, lavanderia self-service, biblioteca, corsi di cucina, escursioni, ecc.

In questo modo, l’Ostello rinnova il suo look ed entra in concorrenza con molte altre soluzioni ricettive, come campeggihotel low cost, ma anche alberghi più convenzionali, rispetto ai quali vanta il plus – molto interessante per un certo profilo di turista, che a questo punto punto non è più solo e necessariamente il “ragazzino squattrinato” – della condivisione dell’esperienza e del networking.

In generale, gli Ostelli moderni hanno tra i 50 e i 150 posti e prevalentemente camere da due a quattro posti letto (più qualche camera più grande per i gruppi), spesso con bagno privato. A Milano e Roma, così come avviene nelle grandi Capitali d’Europa, ci sono anche ostelli da 200-300 posti, che raggiungono le 70.000 presenze l’anno.

Non male anche come idea imprenditoriale, per chi abbia un rudere, un fienile o simileampi spazi e – non trascuriamole – capacità di marketing, visto che queste strutture vanno a competere su un mercato che non può che essere globale e devono quindi sviluppare capacità attrattiva, a partire dalla presenza sul web e, in particolare, sui social network.

Fulvio for Experyentya