The Pink side of the Market

Le donne rappresentano sempre di più una grande quanto fino ad oggi un po’ sottovalutata fetta di mercato.

Basti pensare che il segmento “rosa” rappresenta il 50% della popolazione degli Stati Uniti ed è responsabile di più dell’80% delle decisioni di acquisto.

Eppure è solo di recente che le aziende hanno iniziato a differenziare i prodotti in modo da soddisfare appieno questo segmento: pian piano vediamo sempre più laptop, cellulari, motociclette, cassette degli attrezzi, automobili e tanto altro di quello che era tipicamente colorato di blu e nero, tingersi di rosa e riempirsi di piccoli dettagli ed accessori. 

Proprio in merito a questo, qualche giorno fa, entrando in MSN, mi sono imbattuta in un banner curioso: “Sulla strada del successo. Nissan Micra & FoxLife cercano la protagonista del nuovo spot“.

Questa è l’ennesima conferma del fatto che sempre più aziende cercano di coinvolgere i propri clienti e farli sentire veri e propri protagonisti (proprio come dicevamo nei post “una nuova classe di consumatori creativi e partecipativi“!)

Di che cosa si tratta?

Semplice, di un concorso a votazione (stile “Miss Italia”), dove le ragazze – aspiranti protagoniste del nuovo spot televisivo – inviano qualche foto e una breve descrizione di se stesse che verrà  pubblicata nel sito e resa accessibile, per la votazione, a chiunque voglia partecipare.

Dopo essermi fatta un giro veloce sul sito MicraFoxLife.it, mi sono subito accorta che gli spunti di marketing sui quali ragionare sono molteplici.

Innanzitutto, si tratta di una campagna di co-marketing, che vede unite per l’occasione la giapponesina Nissan Micra (l’automobile femminile per eccellenza) e il canale di intrattenimento americano FoxLife, in cui trovano spazio telefilm al femminile come Desperate Housewives, Grey’s Anatomy ed Ally McBeal.

L’occasione altro non è che il lancio della nuova MicraFoxLife, cioè una Micra che per l’evento si è dotata di vivavoce bluetooth, sensori di parcheggio, speed limit warning e televisore digitale che consente di salvare foto, film e mp3.

Insomma, una partnership tra due aziende (anzi, brand!) che operano sì in settori divesi, ma che “hanno in testa” lo stesso profilo “rosa” di cliente, che vogliono raggiungere al meglio. E hanno entrambe pensato di farlo non solo mediante ricerche di mercato e la classica segmentazione di tipo “top-down”, bensì cercando di instaurare una “leadership emozionale“, una sorta di “affinità  elettiva” col consumatore, allineandosi con il suo stile di vita.

Questa della Micra e della FoxLife, infatti, è sicuramente un’iniziativa di comunicazione empatica e fresca, che incoraggia “atteggiamenti favorevoli” verso il brand e che stimola il passaparola (in particolar modo quello virtuale, per incoraggiare amici e parenti a votare!), ma, soprattutto, è un ottimo strumento per conoscere meglio il target.

Facendo un giro tra le candidate aspiranti “protagoniste”, difatti, di capisce molto più in dettaglio quale sia il profilo della cliente-tipo alla quale Micra e FoxLife sono interessate. Sembra infatti delinearsi il profilo di una donna fresca, modaiola, dinamica e scattante, sensuale e tecnologica (da qui anche la scelta di veicolare il messaggio su Messanger), vanitosa, estroversa, romantica, che adora e sogna il grande e piccolo schermo e la popolarità.

Insomma, è un’iniziativa da “marketing di frontiera“, in cui si fa ricorso a una segmentazione di tipo “bottom-up”, che molte aziende applicano quando conoscono “a grandi linee” il profilo del cliente-tipo, ma sentono l’esigenza di conoscerlo meglio ed in maniera più “calda”.

Della serie: dimmi chi sei e diventerò come tu mi vuoi…

Roberta for Experyentya